Archivi categoria: Ambiente

Non serve solamente per pettinarsi o grattarsela

grattarsi la testaLa testa dovrebbe servire “principalmente” per tutt’altre cose importantissime!!!, per pensare, per riflettere, per analizzare, ma vedendo quel che è accaduto e quel che continua ad accadere, i nostri pensieri, le nostre riflessioni, le nostre analisi per molti Italiani sono solamente un “optional” e nulla più.

D’altronde le statistiche europee mettono gli Italiani al primo posto per l’analfabetismo di ritorno e purtroppo se ne vedono i risultati.

Crediamo all’ultimo che parla, a chi grida più forte, quanto dicono alla televisione è per molti di noi pura verità, il nostro “vangelo”.

Quando ci hanno raccontato che per risolvere il problema del nostro Paese e di noi Italiani era “PRIVATIZZARE, PRIVATIZZARE” e noi “popolo bue” ci abbiamo creduto ed abbiamo accettato, senza tanto protestare, la privatizzazione dell’ENEL, della TELECOM, delle FERROVIE, dell’ENI, delle POSTE e di tantissime altre attività pubbliche, trasformandole in S.p.A. e mettendo quindi le Azioni in vendita, che sono state acquistate non certamente, salvo qualche piccola eccezione, da operai , casalinghe e pensionati, ma bensì da Fondi d’investimento e dai grandi Capitalisti. Continue reading

La Chiesa e la sua Piazza

Pieve V - ChiesaDobbiamo ricrederci, la “curiosità fanciullesca” che avevamo a suo tempo criticato, ci ha ridato la possibilità di ammirare il pavimento in sasso originale e dobbiamo convenire che la Sua “scopertura” ha dato ai Cittadini tutti ed in particolare a chi, da buon cattolico, frequenta con assiduità la Chiesa e le sue funzioni religiose, la meravigliosa sensazione del ritorno all’originale, a tanti secoli passati, come se la storia si fosse fermata.

Certamente gli interventi effettuati hanno avuto un costo non indifferente e la nostra critica era scaturita pensando ai momenti difficili in cui si trovavano e purtroppo ancor si trovano molte Famiglie pievesi, il vedere spendere tanti soldi, ivi compreso il contributo comunale, per lavori non urgenti e sicuramente derogabili ritenevamo non consono in un così difficile momento. Continue reading

Chi aspetta, chi spera e chi…si dispera

keep-calm-aspetta-e-speraChi aspetta, sono coloro che confidando nelle tante parole sentite, nei ragionamenti ascoltati, nei programmi letti, in assoluta “buona fede”, aspettano la “bonifica” per risolvere i loro problemi famigliari e finanziari.
Tanti posti di lavoro promessi: apertura di cantieri, ditte dell’indotto, apertura di ristoranti, Albergo comunale pieno di ospiti, insomma la disoccupazione e la crisi economica che attanaglia le Famiglie pievesi, come d’incanto, sarà solamente un “brutto ricordo”.

Chi spera, sono quelli che usando anche la loro testa sono ancora “scettici”,l’esperienza di tanti posti di lavoro promessi ed attesi che poi nella realtà sono sfumati (scalo di Domo 2, la galleria di Ceppomorelli, i cantieri dell’ANAS, ecc. ecc.), pur ottimisti li rende ragionevolmente cauti, ci sperano ma pazienti attendono che le promesse diventino realtà.

Coloro che aspettano e che sperano sono i Cittadini che dando per scontato, o quasi, che le promesse nelle assemblee svolte, guarda il caso nate in piena campagna elettorale della primavera 2014, potevano anche essere reali e concrete, hanno dato il loro voto (alcuni convinti, altri per convenienza) all’attuale Sindaco credendogli e confidando nelle sue parole e argomentazioni (che sono le stesse fin dal 2008). Continue reading

Siamo tornati agli anni “ottanta”

anni ottantaChe bello!!!,
le mulattiere, le strade interne del Capoluogo e delle Frazioni sono oggetto di una radicale pulizia da foglie, erbacce ed arbusti, grazie al lavoro svolto dagli Operai assunti tramite le “borse lavoro” e coordinati dall’Assessore Maranoli stanno intervendo su tutto il territorio comunale (speriamo), includendo tali pulizie anche nelle località in cui si svolgono le varie feste all’aperto.

Grazie alle “Borse lavoro” c’è la possibilità di disporre di Personale a cui far svolgere tra le altre mansioni anche tali attività di pulizia, che è risultata più che utile, assai necessaria.

Le “Borse lavoro” sono senza dubbio un utilissimo mezzo per dare una speranza a Persone che sono senza lavoro e nella necessità di poter disporre di un reddito, che pur misero, da loro di che poter mangiare.

Le “Borse lavoro” prevedono di lavorare 100 ore mensili con un salario di €. 506,00 (€. 5,06 all’ora, un’inezia) e pur avendone la necessità e la volontà, la legge non permette ai Lavoratori di fare neppure un’ora in più, tale stipendio permetto loro di sopravvivere, ma non certo di vivere dignitosamente. Continue reading

C’è voluto un anno per cominciare

marmazzaFinalmente dopo trent’anni anche nella “Marmazza” è iniziata la pulizia dell’alveo e tanti Cittadini tirano un sospiro di sollievo.

Infatti quasi un anno è passato dopo che “insieme per pieve” esattamente il 28 luglio 2014 aveva denunciato, a S.E. il Prefetto, al Sindaco, all’Ufficio tecnico ed ai Capigruppo, lo stato di grave pericolosità in cui si trovava il torrente “Marmazza”, in tutto il suo bacino imbrifero ed in particolare nella parte in alto.

La presenza di smottamenti e frane, ancora oggi ben visibili dal piano, unitamente alla presenza di decine di alberi sradicati dalla grande nevicata dell’inverno 2013/2014, impediscono il normale deflusso delle acque.

Avevamo altresì fatto presente che l’alveo della “Marmazza” sia monte come a valle del ponte, la presenza di alberi, cespugli ed arbusti avevano di fatto completamento ostruito lo stesso alveo. Continue reading

Al lupo, al lupo, al lupo…

al lupo, al lupoDi tanto in tanto ci sovviene la favola di Esopo al lupo, al lupo. Questo capita quando sui giornali, nelle interviste, nelle assemblee vengono trattati argomenti che hanno a che vedere con la “bonifica”. Sono anni che il nostro Sindaco non argomenta d’altro, ha creato aspettative, ha convinto molti che la soluzione dei loro problemi economici sarebbe stata “la bonifica”.

Tante illusioni, tante speranze, tante promesse per nuovi posti di lavoro, ma ad oggi non sono state altro che irraggiungibili chimere.

La “bonifica”, che doveva già iniziare nel 2014, si legge ora, che i lavori inizieranno nel prossimo 2016. L’attesa di questa benedetta “bonifica” coinvolge aziende commerciali e non anche dei Paesi vicini, i loro Titolari attendono con ansia “nuovi Clienti” che certamente arriveranno con la “bonifica”. I tanti soldi che dovevano arrivare avrebbero, secondo il Sindaco, dato una svolta alla vita sociale ed economica del nostro Paese, creando occupazione, aspettative e speranze ai nostri Giovani ed alle loro Famiglie. Continue reading

Pulizia corsi d’acqua

pulizia corsi d'acquaSi rende sempre più necessario, visti i rovinosi danni causati dalle forti perturbazioni meteo nel corso di questo ultimo decennio in tutta Italia, mantenere puliti i corsi d’acqua.  A tal fine, per sensibilizzare l’intervento, riportiamo integralmente la lettera consegnata al Sindaco e alla Giunta

Egregio Signor Sindaco;
Egregio Assessore ai Lavori pubblici;
Al Capogruppo di maggioranza;
Al Capogruppo di minoranza,
del nostro COMUNE DI PIEVE VERGONTE Continue reading

Bruciatura di residui vegetali

divieto di bruciare residui vegetali

Nuovo argomento “scottante” e sentito da molte persone. Si seguito riportiamo per intero la lettera consegnata al Sindaco e protocollata oggi.

Egregio Signor Sindaco;
Egregio Consigliere Rinaldi Mario, delegato al servizio rifiuti;
Al Capogruppo di maggioranza;
Ai Capogruppo di minoranza,
del nostro Comune di Pieve Vergonte

Egregi Signori,
formuliamo la presente richiesta facendoci interpreti delle difficoltà che incontrano i nostri Concittadini per lo smaltimento dei residui vegetali derivanti da sfalci, potature o ripuliture dei propri giardini o frutteti. Continue reading

Acqua sporca e non potabile…e noi paghiamo!!!

Acqua sporca e non potabile Pieve VergontePer l’ennesima volta i Cittadini di Pieve si vedono costretti a fare le più che giuste lamentele a proposito dell’acqua che sgorga o non sgorga dai nostri rubinetti.

Tutti i Candidati a Sindaco hanno nel loro programma la soluzione del problema acqua con la costruzione di un nuovo bacino, senza tener conto che fin dal gennaio 1995, in Comune c’è un progetto a firma dell’ing. Giorgio Chieu, già approvato dalla Regione, che prevede la realizzazione di un bacino in località Croso (sopra la Frazione di Rumianca) della capacità di 150 metri cubi, alimentato da una tubazione del diametro di 100 mm, (con una portata di gran lunga superiore alla necessità del nostro Comune) già posata e funzionante, che capta l’acqua nel Torrente Arsa. Continue reading

Acqua potabile

acqua potabile Pieve VergonteCome già evidenziato nell’articolo del 15 gennaio scorso esiste il serio problema dell’acqua potabile per i cittadini di Pieve Vergonte

Riportiamo integralmente la lettera recapitata al Sindaco.

Egregio Signor Sindaco;
Egregio Consigliere Pirone Marco, Assessore ai Lavori pubblici;
Al Capogruppo di maggioranza;
Al Capogruppo di minoranza
del nostro COMUNE DI PIEVE VERGONTE

OGGETTO: ACQUA POTABILE Continue reading