Archivi categoria: Elezioni

Il potere logora chi non l’ha più

maCi sono personaggi politici che non si rassegnano d’essere ritornati ad essere “persone normali”, non avere più “potere politico” li rende nervosi, per loro non essere più dei personaggi pubblici è umiliante, abituati ad essere presenti a tutte le manifestazioni, invitati a pranzi e cene, alle più diverse inaugurazioni, alle feste locali, ad essere intervistati o partecipare a trasmissioni televisive ed a volte con qualche tornaconto economico, il tornare con umiltà a quello che erano prima degli impegni politici non gli va giù. Ed allora, con l’aiuto di pochi aspiranti alla notorietà, si danno da fare, vogliono a tutti i costi ancora apparire, si agitano, raccolgono firme e petizioni, indicono convegni, vanno a tutte le feste invitando i Partecipanti ad aderire alla loro iniziativa. Ora, questi ex hanno organizzato la raccolta di firme fra i Cittadini del VCO, per indire il referendum affinché questi si pronuncino sulla loro proposta e pensate sono riusciti ad ottenere il numero sufficiente per poter indire il referendum che si terrà il prossimo 21 Ottobre. La proposta per cui gli Elettori della Provincia del VCO saranno chiamati ad esprimersi è: passare dalla Regione Piemonte alla Regione Lombardia e per convincerci promettono un futuro roseo per tutti, pieno di risorse, lavoro, pubblici finanziamenti e quant’altro di meglio si possa pensare, diventeremmo la Provincia del bengodi. C’è però da considerare la realtà, lo sapete che le spese per il Referendum, che dovrebbero essere di circa €. 300.000,00 se non di più, li dovrà pagare la Provincia del VCO ???, coi soldi di noi Cittadini Piemntesi !!. E’ sotto gli occhi di tutti noi lo stato di degrado in cui si trovano le nostre strade provinciali, gli Amministratori affermano che NON CI SONO SOLDI PER INTERVENIRE SULLE STRADE, ed ora dovranno trovare i denari per pagare il costo del Referendum. Ricordiamoci di questo, per l’arrivismo di pochi amanti del potere, vengono usati i NOSTRI SOLDI per fare il Referendum, diamogli una dimostrazione “democratica” a questi “personaggi”, ed abbiamo due possibili soluzioni: • Non andare a votare, facendo così mancare il quorum necessario, oppure, • Andare a votare e far vincere il NO!! Questa è l’arma più democratica per dare una lezione a questi “personaggi in cerca di potere”Ci sono personaggi politici che non si rassegnano d’essere ritornati ad essere “persone normali”, non avere più “potere politico” li rende nervosi, per loro non essere più dei personaggi pubblici è umiliante, abituati ad essere presenti a tutte le manifestazioni, invitati a pranzi e cene, alle più diverse inaugurazioni, alle feste locali, ad essere intervistati o partecipare a trasmissioni televisive ed a volte con qualche tornaconto economico, il tornare con umiltà a quello che erano prima degli impegni politici non gli va giù.

Ed allora, con l’aiuto di pochi aspiranti alla notorietà, si danno da fare, vogliono a tutti i costi ancora apparire, si agitano, raccolgono firme e petizioni, indicono convegni, vanno a tutte le feste invitando i Partecipanti ad aderire alla loro iniziativa.

Ora, questi ex hanno organizzato la raccolta di firme fra i Cittadini del VCO, per indire il referendum affinché questi si pronuncino sulla loro proposta e pensate sono riusciti ad ottenere il numero sufficiente per poter indire il referendum che si terrà il prossimo 21 Ottobre.

La proposta per cui gli Elettori della Provincia del VCO saranno chiamati ad esprimersi è:

passare dalla Regione Piemonte alla Regione Lombardia Continue reading

E loro imperterriti continuano…

bocca della veitàDobbiamo darne atto, i nostri Amministratori in questi tanti anni sono stati e continuano ad esserlo, costanti e coerenti nelle loro scelte, che per tanti Cittadini sono state “scellerate”.

Non vogliamo certamente passare per noiosi, ma vogliamo solamente rinfrescare la memoria dei nostri Concittadini e ricordare quelle opere che tantissimi di loro non condividono e che ritengono “scellerate, non adeguate o costosamente inutili” :

  1. L’ albergo, che doveva essere aperto “giusto per le elezioni del maggio 2014” ma che è tuttora chiuso;
  2. L’ascensore, costruito dopo che la biblioteca è stata sposta dal piano terreno al 1^piano;
  3. La strada del Cengio, è ripida, tortuosa e finisce ai margini del torrente, non serve per nulla alla località Ca’ d’ Bardot e tanto meno per la località Cengio;
  4. La Casa della Resistenza di Megolo, hanno ristrutturato la scuola per poi aprirla per pochi giorni all’anno; Continue reading

Ma davvero non servono i partiti politici???

Simboli da PCI a PD LaSinistraL’art. 49 della Costituzione Italiana recita: “tutti i Cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in Partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale”.

La parola “politica”, significa: “amministrazione della città per il bene di tutti ed alla quale tutti i Cittadini partecipano”.

Gli Italiani hanno quindi pensato di mettersi assieme, visto che l’unione fa la forza, confluendo, la maggior parte di Operai, Braccianti e Pensionati nel Partito comunista italiano; nella Democrazia cristiana sono confluiti in maggior parte Cattolici, “ricchi”, Capitalisti, Industriali; altri nei tanti Partiti minori, ottenendo così un maggior peso politico in difesa dei loro diritti, del posto di lavoro, del salario e della pensione Continue reading

Il Consiglio Comunale

Consiglio ComunaleMercoledì scorso, 29 luglio, si è svolto un Consiglio Comunale con pochi punti all’Ordine del giorno, riguardavano le imposte e tasse comunali per il 2015.

Come sempre non erano molti i Cittadini che hanno assistito allo svolgimento del Consiglio comunale, se togliamo padri, madri, fratelli e parenti dei Consiglieri; i Cittadini veramente interessati alla discussione erano pochi.

I Cittadini pievesi oltre ad esprimere il loro voto a favore dei Candidati in cui hanno fiducia, dovrebbero poi rendersi conto di come lavorano, intervengono e si comportano i Consiglieri, eletti grazie al loro voto, durante lo svolgimento dei Consigli comunali e quindi sarebbe utile assistere allo svolgimento del Consiglio comunale e giudicare di conseguenza. Continue reading

Aspettavamo da 15 anni

Aspettare 15 anniIn tutte le elezioni comunali alla fine degli scrutini risultano eletti Consiglieri della Lista vincitrice, chiamati di Maggioranza, e Consiglieri delle liste perdenti chiamati di Minoranza.

Il ruolo della Minoranza è altrettanto importante di quello della Maggioranza; essa ha il compito di vigilare sull’operato di chi amministra, di dare suggerimenti ed anche aiuti, se necessario, nell’interesse della collettività; può presentare interrogazioni, interpellanze e mozioni per meglio conoscere nei dettagli le varie decisioni prese dalla Maggioranza, discuterle in Consiglio Comunale e quindi darne comunicazione ai propri Elettori, è altresì chiamata a far parte di tutte le Commissioni comunali previste nel nostro Comune. Continue reading

Tranquilli e sereni!!!

Tranquilli e sereniState tranquilli e sereni, “Insieme per Pieve” non è una Libera Associazione nata con fini solamente Elettorali. Anche noi, come tanti Cittadini di Pieve, stiamo attendendo il Consiglio Comunale che in via ufficiale darà l’inizio all’Amministrazione Medali, siamo anche molto curiosi di conoscere i componenti della nuova Giunta comunale, che in base alle nuove normative sarà composta da soli tre Membri, ivi compreso il Sindaco e solamente questi beneficeranno dello “stipendio” mensile.  Abbiamo già diverse richieste e problematiche da sottoporre al “nuovo” Sindaco; controlleremo assieme a Voi che gli Eletti osservino con scrupolo il mandato loro conferito dagli Elettori, in particolare che siano sempre presenti ai Consigli comunali e che, con personale intelligenza, facciano il loro meglio, nei rispettivi ruoli di maggioranza e minoranza, unicamente negli interessi di tutti i Cittadini. Cogliamo l’occasione per augurare a tutti gli Eletti, un buon lavoro, che dia loro tante soddisfazioni e importanti benefici ai Pievesi.

L’armata Brancaleone

BrancaleoneA conclusione della battaglia elettorale, visti i risultati, non ci rimane altra frase per giudicare come si sono comportate le due Liste contendenti a quella poi risultata vincitrice.

Per vincere è risaputo che l’unione fa la forza, non si capisce perché non abbiano voluto unirsi per competere, con qualche possibilità di vittoria, con un avversario, oltre che capace che aveva anche il supporto di un Partito organizzato alle spalle.

Hanno peccato di presunzione, pensando di essere una migliore dell’altra, non hanno avuto l’umiltà di riconoscere i loro limiti, pensando che bastavano i mormorii di piazza della insoddisfazione dei Pievesi sull’operato dell’ Amministrazione MEDALI-BECCARI. Continue reading

Complimenti ai vincitori

laurelIn democrazia il Cittadino ha sempre diritto di esprimersi ed il momento più democratico è la loro scelta in occasione delle Elezioni.

Facciamo i complimenti al neo Sindaco Maria Grazia MEDALI, ed a tutti i Consiglieri della Sua Lista eletti in qualità di Amministratori comunali per i prossimi cinque anni.

Il risultato è dovuto al grandissimo impegno dimostrato in questa campagna elettorale, il contatto umano con gli Elettori ha sempre ben ripagato i Candidati e anche questa volta ne abbiamo la conferma. Continue reading

Ma allora, per chi dobbiamo votare???

3scimmiette-2

Il voto è segreto e libero

Ciò non toglie che si possano esprimere pareri “alla luce del sole”, ed è quello che, sentite le voci, i pareri ed i pettegolezzi che circolano nel Paese, vogliamo qui fare.

Lista n° 1 – LA PIEU Sei tu – Candidato a Sindaco RENSO Luciano.
Il Gruppo è espressione del Comitato LA PIEU, che attraverso Facebook ha coinvolto i Pievesi sulle diverse questioni dell’Amministrazione comunale, ed in particolare con forte critica sulle scelte fatte e sui conseguenti indebitamenti. Cinque di loro si erano già presentati la scorsa legislatura nella Lista PER PIEVE E LESUE FRAZIONI col candidato Sindaco Azzoni Edoardo. Il candidato a Sindaco, RENSO Luciano, vanta già esperienza di Assessore, senza infamia e senza lode, nell’Amministrazione del sindaco Giavina. Ne fa parte anche SPADONE Eliseo, che con coerenza e rispetto dei suoi Elettori ha continuato, Lui unico, ad esercitare il rispettabile ruolo di minoranza. Altri due candidati dovrebbero già aver esperienza amministrativa in altre realtà comunali, ma non conosciamo quali. Continue reading

Cosa vogliono i Cittadini dai nuovi Amministratori

cittadini reattiviTutti noi abbiamo potuto prender visione dei Programmi elettorali dei Candidati a Sindaco; i programmi sono molto ambiziosi, ma ancora una volta sono delle “lettere a Gesù Bambino”.

Allora abbiamo raccolto noi, i desideri dei nostri Concittadini su quello che i nuovi Amministratori dovrebbero fare nell’interesse di tutti noi, restando però coi piedi per terra:

  1. Un Paese decoroso, pulito ed ordinato sia nel Pubblico come nel Privato.
  2. Marciapiedi su tutto il territorio comunale, per dare sicurezza ai tanti Cittadini, giovani o meno, che sempre più vanno a piedi.
  3. Strade che non siano più, come lo sono ora, pericolose per una successione di buche, tombini sfondati e rappezzi mal riusciti.
  4. Le Guardie comunali (la Legge ne prevede addirittura 4), per un attento controllo del territorio e per il rispetto delle Leggi.
  5. Un’attenta e scrupolosa manutenzione di tutti gli immobili del Comune ed in particolare dei cimiteri.
  6. Acqua che sia potabile, limpida e pura (la pagano per questo), i distributori dell’acqua, sono un’ulteriore spesa per le Famiglie.
  7. Che l’Ufficio Postale venga riportato, come previsto nel 1985, nel palazzo del Municipio e non è come ora, fra ultime case del Paese.
  8. Che siano dati giusti e proporzionati contributi a Banda musicale, Associazioni sportive e non, Asilo, A.I.B., Chiesa e basta!!!
  9. Regolamentazione dei posteggi e delle soste, con diritti, doveri ed oneri a carico di chi ne usufruisce.
  10. Un centro diurno intercomunale per gli anziani, aperto tutti i giorni, che sia un luogo d’incontro, aggregazione e sollievo sia per gli Utenti come per le loro Famiglie.