Parco giochi per bambini

8111097-i-ragazzi-stanno-giocando-il-parco-giochiAbbiamo tutti visto la scorsa estate un gruppo di ragazzi che occupavano il Parco giochi per bambini del Capoluogo alla Marmazza. Questi, dimostrando un alto senso di “inciviltà”, occupavano i tavoli sedendosi sugli stessi, coi piedi sulle panchine, compiendo altresì molti atti vandalici, distrutta la recinzione, divelto i paletti, gettato le protezioni d’accesso nella Marmazza, distrutto alcuni giochi dedicati ai bambini, inoltre hanno danneggiata la vicina colonnina dell’ ENEL creando pericolo per loro e per gli altri. Di recente l’Amministrazione Comunale ha provveduto alla sistemazione del Parco giochi,  rifatta completamente la recinzione, posato un cancello di protezione e d’accesso, sostituito i giochi per bambini che erano stati distrutti.
La spesa sostenuta dall’Amministrazione Comunale e quindi pagata da noi tutti Cittadini di Pieve Vergonte è stata di 20.000,00 €.

I vandali che si sono comportati in tale modo sono stati individuati dalle Forze dell’Ordine, ed hanno un nome ed un cognome.

Poiché un procedimento penale comporta per questi “ragazzi vandali” serie ripercussioni per il loro avvenire, comprendiamo tutti quanti che il tutto sia stato considerato una “ragazzata” (che però è durata a lungo, troppo a lungo), e quindi non sia stata iniziata nessuna procedura penale nei loro confronti.
Non comprendiamo però che l’importo dei danni vandalici a loro imputabili siano da addebitare a tutta la Cittadinanza, insomma li dobbiamo pagare tutti noi.
Le “ragazzate” sono sempre state fatte dagli incivili, dal branco, ma il ripristino dei danni provocati erano sempre stati addebitati e fatti pagare a coloro che li avevano creati.
Questo insegnava ai ragazzi ed alle loro Famiglie il rispetto delle cose di tutti e come ben si dice da sempre: perché imparino bisogna toccarli nel borsellino.

Certamente la mancanza dei Vigili Comunali e la carenza delle Forze dell’Ordine hanno contribuito e non poco a che tali fatti siano avvenuti.

4 pensieri su “Parco giochi per bambini

  1. non esiste piu’ il rispetto,sopratutto nei giovani, mi spiace dirlo.La cultura del benessere e dell’arroganza propinataci per anni ci ha privato dei valori fondamentali.OGNUNO SI ARROGA IL DIRITTO DI FARE CIO’ CHE VUOLE !!!

  2. Mi hanno insegnato gia’ da piccolo a rispettare le cose altrui e l’educazione ,sicuramente non do’ colpa solo a cio’ che ci hanno propinato per anni,ma dobbiamo imparare che non tutto e’ dovuto. L’Italia e’ il paese che forse ha piu’ diritti al mondo,ma gia’ dalla famiglia in primis ,dalla scuola,ecc….bisognerebbe insegnare che vi sono dei doveri da rispettare per avere garantito i diritti

  3. i lavori sono stati fatti, però il problema esiste ancora passando ieri pomeriggio davanti al parco giochi ho visto i soliti ragazzini seduti sui tavoli e attaccarsi alla rete di recinzione quindi penso che non è che sia cambiato molto.

    1. speriamo che i nostri Amministratori comunali, controllino meglio quanto succede nel parco, o guardando il sito se ne rendano conto e provvedano in merito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*